Pulsante apri/chiudi pannello lingue

Esenzione

Domanda per l'esenzione Ta.Ri. anno 2018

Il Regolamento per l’applicazione della tassa sui rifiuti (Ta.Ri.), all’art. 17, prevede annualmente la possibilità di richiedere l’esenzione a favore di particolari categorie di cittadini.
Requisiti per l'ammissione della domanda:

  • il richiedente non deve avere debiti concernenti la Tassa sui rifiuti o la Tares maturati alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello di applicazione dell'esenzione;
  • il richiedente deve occupare/condurre l'abitazione per la quale richiede l'esenzione a titolo di abitazione principale;
  • il richiedente deve essere in possesso di un valore dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) ordinario (determinato ai sensi del DPCM N. 159/2013) non superiore a € 6.500,00.

La domanda di esenzione dal pagamento della tassa sui rifiuti Ta.Ri per l’anno 2018 potrà essere inoltrata, entro il 31 dicembre, attraverso i seguenti canali:

  • Gratuitamente on line, previa identificazione al portale di Roma Capitale;
  • attraverso gli intermediari giuridici (centri di assistenza fiscale, commercialisti, etc).

Gli utenti persone fisiche abilitati al portale e gli intermediari giuridici per conto dei loro assistiti fisici, trovano l’apposita funzionalità accedendo alla sezione "Servizi Tributari", disponibile fra l’elenco dei Servizi on-line.

È necessario che l'utente che desideri accedere a questa modalità di presentazione della domanda di esenzione e non sia ancora registrato al portale di Roma Capitale provveda seguendo la procedura prevista, dettagliata nella sezione "Servizi on line – Identificazione al Portale".
Si ricorda che il perfezionamento della procedura di identificazione può richiedere alcuni giorni; si consiglia, quindi, di provvedere alla richiesta con anticipo, rispetto al termine di scadenza di presentazione della domanda. Si ricorda che l'agevolazione ha effetto per il solo anno per il quale è stata presentata la relativa richiesta. (Riferimenti normativi: Deliberazione dell'Assemblea Capitolina n. 12 del 20 Marzo 2015).

Torna su